Pugni chiusi

maggio 11, 2008 at 7:43 am Lascia un commento

Un sonno disturbato lascia scorrere via i sogni fusi con i ricordi ed il presente, lascinado spazio al vuoto del risveglio. Le grida del pianto premono sulla gola infilzando il respiro con i suoi artigli, mentre dalla sottile maglia di una tenda, schegge di luce del sole di domenica, arrivano a me come le punte infuocate di una lancia. Le coperte mi avvolgono come unica salvezza, le mie mani con i pugni chiusi stringono il dolore e la schiena contratta guarda il soffitto bianco che sembra scendere verso me a nascondere ogni colore tra la penombra di questa stanza. Vorrei non alzare più gl’occhi da quel cuscino, dai pugni chiusi far scivolare via le dita lentamente per ridare alla vita tutto quello che ho preso senza orgoglio, mentre sorretto dal sereno scorre lungo il canale che dal braccio arriva al cuore un fluido urente che riconduce ad ogni qualsiasi altro destino.

Entry filed under: Poesie e non solo. Tags: .

La nebbia dell’inverno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Categorie


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: